Giovedì, 13 Settembre 2018 09:42

75° Anniversario Eccidio di Nola

A Nola, dopo l’8 settembre 1943, le truppe d’occupazione tedesche intimano ai militari italiani di consegnare le armi. Gli italiani, chiusi nella caserma “Principe Amedeo”, rifiutano : nello scontro a fuoco, un tedesco rimane ucciso. L’11 settembre le truppe d’occupazione, protette da carri armati, irrompono nella caserma, esigono la consegna di 10 ufficiali italiani e li condannano al plotone d’esecuzione.Gli ufficiali sono fucilati nella piazza d’armi adiacente alla caserma ed alla loro esecuzione, in un silenzio spettrale, devono assistere i soldati, fatti inginocchiare in segno di sottomissione.Il vescovo di Nola riesce ad ottenere la restituzione dei corpi delle vittime, che vengono sepolte nelle tombe di famiglia di cittadini del posto.

Ultima modifica il Giovedì, 13 Settembre 2018 09:46
Domenica 14 ottobre 2018 l'ANMIL (Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi sul Lavoro) celebra in tutta Italia la 68° giornata per le vittime degli incidenti sul lavoro. Per l'occasione a Nola, ...

LEGGI TUTTO...               

LEGGI TUTTO...                       

torna all'inizio del contenuto